In Alta Valle Susa, a 1.312 m sul livello del mare, sorge Bardonecchia, il comune più occidentale d’Italia. Situato sul confine italo-francese, Bardonecchia è un piccolo gioiello incastonato tra le meravigliose vette delle Alpi, alcune delle quali superano quota tremila.

A partire dai primi del Novecento, questo piccolo centro di montagna divenne meta privilegiata di un turismo d’élite. Sorsero, infatti, numerose ville con immensi giardini e parchi privati. Col passare degli anni, il turismo si aprì anche agli altri ceti sociali dando inizio ad uno sviluppo turistico che l’ha resa oggi una delle più apprezzate mete di tutto l’arco alpino, sia durante il periodo invernale che estivo. Bardonecchia vanta, infatti, una fitta rete di impianti sciistici e piste per praticare un’infinità di sport invernali. Scelta come sede per le gare di Snowboard delle Olimpiadi di “Torino 2006”, Bardonecchia rappresenta un vero e proprio paradiso per gli amanti di questa disciplina sportiva. Dispone, infatti, di numerose piste per tutti i gusti e per tutti i livelli. E poi ancora la possibilità di praticare scialpinismo, free ride, fondo, escursioni con le racchette da neve per godere appieno della magnificenza della natura, dei suoi luoghi nascosti e poco accessibili, dei suoi animali e dell’incanto dei suoi paesaggi innevati.

Da non perdere l’occasione per gustare i piatti tipici della tradizione culinaria alpina: polenta con selvaggina, taglieri di salumi e formaggi, gnocchi di patate. Il tutto accompagnato dagli ottimi vini piemontesi, dai dolci e dalle grappe: un’emozione unica per conoscere a fondo la tradizione e la cultura di montagna, che può diventare indimenticabile se ci si trova in uno dei tanti chalet in quota riscaldati dalla brace che arde nei camini e dalla magia del paesaggio.

Taggato su: , ,
Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *